fbpx

In tendenza

Altri dodici sbarchi durante la notte a Lampedusa: sono 1.300 nell’hotspot

I trasferimenti - oggi 380 sono stati destinati a una nave quarantena - non riescono a tenere il ritmo degli sbarchi

Altri dodici sbarchi durante la notte a . In tutto, con l’ultima serie di approdi, sono arrivati 178 . Uno degli arrivi si è registrato a Pozzolana di Ponente, a Linosa. Sono al momento 1.306 gli ospiti dell’ da giorni al collasso, considerato che ne può accogliere 250. I trasferimenti – oggi 380 sono stati destinati a una nave quarantena – non riescono a tenere il ritmo degli sbarchi. I carabinieri sono riusciti a rintracciare, dopo avere raccolto l’allarme, 12 tunisini.

A seguire un barchino con 14 subsahariani è stato bloccato da una motovedetta della Guardia di finanza a circa un miglio e mezzo dalle coste. La stessa unità delle Fiamme Gialle, poco dopo, ha soccorso altre 6 imbarcazioni con a bordo rispettivamente 17, 15, 16, 15, 14 e 14 migranti. Infine poco prima dell’alba, la Guardia di finanza ha soccorso al molo Favaloro 61 migranti, tra cui 2 donne a bordo di quattro imbarcazioni. A bordo anche una donna e 6 minori.

“Nelle ultime 24 ore a  ci sono stati 28 sbarchi, il Centro di accoglienza dell’isola ospita al momento circa 1.350  ma fino ad ora le operazioni di soccorso e prima accoglienza procedono con regolarità. C’è stato uno sbarco anche a Linosa dove sono arrivate 20 persone. Quello che sta accadendo segnala che c’è una forte spinta sulla rotta tunisina che deve essere valutata con la massima attenzione dal governo italiano e dalle istituzioni europee, prima che la situazione possa subire impennate improvvise – lo dice , sindaco di Lampedusa e Linosa – Serve un’azione decisa e organica da parte della politica. Il problema è sempre lo stesso e ne parliamo da troppi anni, bisogna che il Parlamento e l’Europa portino avanti un ragionamento a monte che limiti il fenomeno degli approdi dall’Africa verso l’Europa e, quindi, Lampedusa”.

Intanto poliziotti della Squadra mobile e finanzieri della Guardia di finanza, sezione Navale di Siracusa, hanno arrestato i due stranieri, un trentaquattrenne originario della Moldavia e un quarantaduenne del Kirghizistan per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Tra i migranti giunti ieri, una donna e due minori; hanno dichiarato nazionalità iraniana e irachena. Erano stati intercettati, alle ore 21.50 del 22 luglio, da unità navali della Capitaneria di porto e dalla Guardia di Finanza, a 22 miglia dalla costa di Marzamemi, e accompagnati nel porto commerciale di Augusta. Nelle ore immediatamente successive all’arrivo dei migranti, i poliziotti hanno raccolto gravi indizi a carico degli arrestati, avvalendosi delle dichiarazioni di alcuni degli extracomunitari che li hanno indicati come i conducenti dell’imbarcazione. I due sono stato condotti nel carcere Cavadonna, a Siracusa.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo