fbpx

In tendenza

Arrestato rapinatore nel Catanese, tradito da un caffè molto “amaro”

Nel corso di un controllo l’uomo è stato invitato in caserma per degli accertamenti e ha avuto bevuto un caffè

I Carabinieri del Nucleo Operativo della compagnia di Palagonia hanno arrestato un 33enne del posto, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale calatino in ordine ai reati di rapina aggravata e porto di armi od oggetti atti a offendere.

Clicca qui per vedere le immagni della rapina

Le indagini, coordinate dal Procuratore della Repubblica di Caltagirone, Giuseppe Verzera, hanno fatto piena luce sulla rapina commessa lo scorso 20 aprile ai danni di una tabaccheria in via Savona 48 a Palagonia.

L’indagato, con il volto travisato e armato di coltello, fece irruzione nell’esercizio commerciale dove, sotto la minaccia dell’arma, costrinse la titolare a riporre i 500 euro contenuti nella cassa all’interno di una borsa “gentilmente” fornita dal criminale. Compiuta la rapina, il malvivente fuggì a piedi imboccando via Delle Cave.

Gli investigatori dell’Arma, intervenuti immediatamente sul posto, ricostruendo le fasi della rapina, anche grazie alle immagini registrate dal sistema di video sorveglianza, rinvennero in via Delle Cave un cappellino verde e bianco, una borsa di plastica blu e rossa, un coltello con la lama rossa, nonché, in piazza Risorgimento, a circa 300 metri di distanza dall’esercizio commerciale, un giubbotto di pelle nero e uno scaldacollo blu, il tutto perfettamente corrispondente con quanto indossato e impugnato dall’uomo nel corso del reato.

La conoscenza dell’humus delinquenziale operante nella zona, ha indirizzato le indagini verso l’odierno indagato che, in occasione di un fotosegnalamento eseguito nel dicembre 2020 (servizio antidroga), indossava un giubbotto di pelle nero molto simile per alcuni segni distintivi a quello ritrovato in piazza Risorgimento.

E proprio nel corso di un controllo finalizzato alla repressione dei reati in materia di stupefacenti l’uomo è stato invitato in caserma per gli opportuni approfondimenti dove ha avuto la possibilità di bere un caffè e di lasciare incautamente sul bicchierino che lo conteneva le tracce biologiche del suo Dna che, opportunamente comparate con quelle trovate sul berrettino e lo scaldacollo, sono risultate appartenergli.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo