fbpx

In tendenza

Assalto a un distributore di carburanti di Palermo, un arresto

La vittima era stata raggiunta all'interno del gabbiotto del rifornimento da due uomini che, col volto coperto da caschi e occhiali e armati di rivoltella, avevano sottratto oltre 200 euro, prima di fuggire a bordo di uno scooter

La polizia di Stato ha tratto in arresto l’autore di una rapina a mano armata, compiuta lo scorso 19 agosto, ai danni del dipendente di un rifornimento di carburanti in via Francesco Paolo Di Blasi, a Palermo: si tratta di un incensurato 30enne del quartiere Oreto. I fatti sono accaduti intorno alle 14: la vittima era stata raggiunta all’interno del gabbiotto del rifornimento da due uomini che, col volto coperto da caschi e occhiali e armati di rivoltella, avevano sottratto oltre 200 euro, prima di fuggire a bordo di uno scooter. L’allarme era stato lanciato dal dipendente tempestivamente e ha consentito ai poliziotti del commissariato Libertà di battere il territorio. Nei pressi di Borgo Vecchio, infatti, gli agenti hanno incrociato un uomo intento a spingere un modello di scooter uguale a quello segnalato. L’uomo ha detto di essere rimasto in panne con lo scooter e di cercare un meccanico. Gli agenti hanno capito che gli esiti di quel controllo di polizia sarebbero potuti tornare utili: l’abbigliamento con colori particolarmente vistosi, poi sequestrato, alcuni tatuaggi, il modello di casco e lo scooter, tutti corrispondenti a quelli del rapinatore, alla luce della successiva comparazione operata con le immagini della rapina, estrapolate dal sistema di videosorveglianza della struttura assalita dai rapinatori. Queste immagini hanno evidenziato anche una straordinaria somiglianza del rapinatore con quelle del fermato. Questi particolari, unitamente alla presenza del malvivente in orario ed in una zona cittadina compatibile con il sito rapinato, hanno portato i poliziotti a ritenere che l’uomo fermato fosse colui che aveva rapinato il rifornimento di benzina ed in particolare colui che era armato di pistola. L’autorità giudiziaria ha condiviso la ricostruzione dei poliziotti che hanno eseguito il provvedimento di custodia cautelare domiciliare con braccialetto elettronico.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo