fbpx

In tendenza

“Bella Sicilia d’Autunno”: i sapori delle trattorie, i paesaggi, l’arte e gli scatti speciali

Basta entrare nel sito dei vari comuni aderenti al Circuito Bella Sicilia per scoprire il dettaglio di iniziative totalmente pensate per questa stagione o semplicemente avventurarsi sganciati dagli eventi e scoprire paese dopo paese il fascino della bellezza autunnale

Dopo i colori giallo arancio dei suggestivi tramonti e delle albe riflesse sul mare di calde spiagge o tra forme dolci di paesi collinari e montani, la Sicilia si prepara ad offrire una nuova veste, tutta da scoprire e gustare. L’aria frizzantina dell’autunno comincia a rendere piacevole quei prodotti di stagione che ben si fondono alla cromia del periodo. Le giornate uggiose, la brina sui lampioni accesi, i fumi della brace e soprattutto il “foliage” fenomeno che precede la caduta delle foglie degli alberi, la variazione di colore delle foglie che passa dal verde intenso a toni caldi, rosso, giallo, giallo, marrone.

Sfruttare questo periodo per una gita fuori porta è un vero toccasana, il contatto con la natura genera molti benefici, l’aria pulita, l’acqua che sgorga dalle fonti, i primi fumi che spuntano dai camini, i venditori di caldarroste e il vino caldo. Quante occasioni per stare in buona compagnia, allentare le ansie delle caotiche città e trovare paesaggi affascinanti per scattare delle foto speciali.In alcune zone d’Europa questo periodo è particolarmente apprezzato, in Svizzera esiste addirittura il “Treno del Foliage” che attraversa località ricchissime di alberature.

Bella anche un’esperienza estemporanea senza programmi, sfruttare un week end per inseguire il “foliage” negli itinerari del Circuito Bella Sicilia. Scegliere un paese e dormirci, per poi gironzolare alla scoperta di arte, tradizioni popolari e paesaggi stupefacenti. Nelle piccole e calde trattorie gustare vini, formaggi, dolci e pietanze locali e poi vivere l’esperienza di un trekking nel bosco o visitare le cantine e le aziende di produzione dei tanti prodotti tipici.

Basta entrare nel sito dei vari comuni aderenti al Circuito Bella Sicilia per scoprire il dettaglio di iniziative totalmente pensate per questa stagione o semplicemente avventurarsi sganciati dagli eventi e scoprire paese dopo paese il fascino della bellezza autunnale. Tra gli appuntamenti più immediati nei Comuni di Bella Sicilia segnaliamo:

“Fuga d’Autunno” a Palazzolo Acreide (SR) propone per tutti i week di ottobre l’iniziativa di accoglienza autunnale a cura di Vicoli&Sapori  info: turismopalazzolo@gmail.com

Santa Margherita di Belice (AG) l’esperienza che parte dal Palazzo del Gattopardo e conduce ai sapori dei dolci tipici come la “siringata”, il formaggio locale “vastedda” e tutti i prodotti conditi dal famoso olio ottenuto dalla Nocellara del Belice e poi le prelibate ficodindia info www.ilgattopardonelbelice.it    segreteria.sindaco@comune.santamargheritadibelice.ag.it

Castel di Lucio (ME) nei giorni dal 4 al 6 Novembre si veste d’arte. In programma laboratori ed esposizioni. E’ possibile visitare i tesori presenti nelle numerose Chiese e il famoso Labirinto D’Arianna di Fiumara d’Arte. Info turismo@casteldilucio.eu

Tusa (ME) punta agli eventi di identità territoriale, spettacoli di musica e dei pupi, prelibatezze locali di stagione come la “cucuzza a cunigghiu” prodotto slow food. Info ufficioturistico@comunetusa.gov.it

Montalbano Elicona oltre alle affascinanti vie del centro storico offre la possibilità di escursioni in trekking al bosco di Malabotta o ai Megaliti dell’Argimusco con esperte guide naturalistiche. Info montalbanoturismo@gmail.com

Un vero spettacolo per quanto riguarda il foliage si può godere con l’itinerario che partendo da Pollina, San Mauro Castelverde, poi si unisce ai comuni delle Madonie,  da Geraci Siculo, a Gangi e Bompietro passando per Petralia Soprana e Petralia Sottana. Spingersi nell’altro versante fino a Vicari, Lercara Friddi e Roccapalumba dove in questo periodo si può assistere alla raccolta dei ficodindia. Immancabile una visita al borgo incantato di Isnello e poi dritti verso la costa fino a Cefalù dove il centro storico in autunno assume una magia particolare.

Valguarnera Caropepe si prepara alla raccolta dell’oro rosso, lo zafferano. Castroreale con le sue sette facce invita a scoprire le montagne circostanti ricche di alberature. Le vetrine di ceramica artistica di Santo Stefano di Camastra sono un ottimo diversivo per i pomeriggi autunnali da qui ci si può immergere nel percorso ricco di ulivi secolari, tra Pettineo, Motta d’Affermo e fino a Castel di Lucio.

Per ammirare il bosco multicolor sicuramente un comune d’eccellenza è Alcara Li Fusi regno dei grifoni e dell’acquila reale. Brolo si propone con l’antico borgo medievale, la torre in questo periodo assume una atmosfera fiabesca. Un altro itineraio nella natura è quello che unisce i comuni ionici di Savoca e Forza D’Agrò anche per la tipica illuminazione gialla ben si intona con il rustico dei centri storici dal valore inestimabile.

Nel Comune più piccolo della Sicilia l’evento autunnale si chiama “Roccafiorita in Folk” sabato 23 e domenica 24 ottobre laboratori, stand enogastronomici e musica folk.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo