fbpx

In tendenza

Emergenza rifiuti, Minardo: “i termovalorizzatori unica soluzione strutturale”

Altro concetto della Lega riguarda la necessità e l’opportunità di lavorare meglio a Palermo per trovare soluzioni più rapide ai problemi

Da tre giorni il capoluogo etneo e decine di comuni delle province di Catania, Messina e Siracusa sono letteralmente sommerse dai rifiuti a causa della necessità dell’impianto di Lentini della Sicula Trasporti di ridurre a 600 tonnellate la capacità giornaliera di ricevere i rifiuti.

Non è la prima e purtroppo non sarà l’ultima “emergenza – spazzatura” nella nostra regione – afferma il segretario provinciale della Lega, Nino Minardo – ma è l’occasione per ribadire un paio di concetti che la Lega Sicilia mantiene fermi da tempo e per cui ci stiamo spendendo senza tregua. Il primo è che la soluzione strutturale per porre fine a questo scempio a cui residenti e turisti assistono da anni ha un solo nome: “Termovalorizzatori”. E se il governo regionale ha finalmente capito che la direzione su cui muoversi è questa, il mio partito rivendica di avere messo in atto tutte le iniziative politiche possibili e immaginabili per raggiungere l’obiettivo. Siamo confortati dalle esperienze pluridecennali in Italia, in Europa e nel resto del mondo: quando saranno realizzati i due impianti (uno in Sicilia occidentale e uno in Sicilia orientale) usciremo dall’emergenza perenne”.

Il secondo concetto della Lega riguarda la necessità e l’opportunità di lavorare meglio a Palermo per trovare soluzioni più rapide ai problemi. “Sulla carta – ancora Minardo – vi è una cabina di regia per le risorse del Recovery Plan affidata al vice presidente Armao, sulla carta vi sono tante buone intenzioni per dare un colpo di reni e una spinta propulsiva più incisiva in quest’ultimo anno di legislatura. Mettiamo allora in pratica le buone intenzioni. Dobbiamo fare di più e l’emergenza spazzatura di oggi a Catania e negli altri comuni va risolta subito. Nella fattispecie l’ottimo lavoro a Catania del nostro assessore Fabio Cantarella che in queste ore si sta spendendo tantissimo va integrato con un’azione più incisiva e tempestiva del governo regionale e di tutta la maggioranza che lo sostiene. E ciò deve valere non solo in questa specifica emergenza ma in generale per i prossimi mesi. Il capogruppo della Lega Sicilia all’Ars, Antonio Catalfamo, proprio in queste ore solleva in Aula la questione: lo fa rappresentando tutti e sette i parlamentari regionali del nostro gruppo, lo fa con spirito costruttivo e lealtà ma lo fa senza esitazione alcune perché dobbiamo tutti fare altri passi in avanti.”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo