fbpx

In tendenza

Erano il terrore dei commercianti: fermati due giovani che avevano commesso 13 furti con spaccata a Siracusa

I due lanciavano a velocità un motociclo contro le vetrate e le saracinesche degli esercizi commerciali e, dopo averle spaccate, si introducevano all’interno e operavano i furti

Erano esausti i commercianti siracusani che da qualche tempo erano presi di mira da due giovani malviventi i quali, utilizzando il collaudato metodo della spaccata, facevano irruzione di notte negli esercizi commerciali e li derubavano dell’incasso contenuto nei registratori di cassa e di ogni bene presente nei negozi.

Pochi giorni fa le disperate vittime si erano anche rivolte al Prefetto che ha convocato un comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica per cercare di porre un argine agli odiosi furti perpetrati da questa improvvisata ma pericolosissima banda di ladri.

Clicca Qui per le immagini

La Polizia di Stato e l’Arma dei Carabinieri di Siracusa, coordinate dalla locale Procura  della Repubblica, erano già sulle tracce dei due giovani e ne seguivano i movimenti fino a quando il cerchio si è stretto attorno a due siracusani, rispettivamente di 26 e di 21 anni, entrambi già conosciuti alle forze dell’ordine, tanto che il ventiseienne era anche sottoposto alla misura della sorveglianza speciale che, puntualmente, eludeva per perpetrare i furti.

Per loro si sono finalmente aperte le porte del carcere dopo che gli investigatori della Squadra Mobile e dell’Arma hanno eseguito, nella giornata di oggi, il provvedimento di fermo di indiziato di delitto a loro carico, disposto dal procuratore aggiunto Fabio Scavone.

I due arrestati, entrambi gravati da precedenti di polizia, sono gravemente indiziati, complessivamente, di 13 episodi di furto aggravato, ai danni di altrettante attività commerciali della città aretusea.

Per meglio comprendere la pericolosità sociale dei due, basti ricordare che, nell’ultimo periodo, la coppia di ladri aveva preso di mira e derubato bar, tabaccherie, benzinai, panifici, parrucchieri e negozi di alimentari, causando loro ingenti danni alle strutture oltre a quelli cagionati dalla razzia di merci e di denaro.

Il modus operandi era sempre lo stesso, i due lanciavano a velocità un motociclo contro le vetrate e le saracinesche degli esercizi commerciali e, dopo averle spaccate, si introducevano all’interno e operavano i furti.

Le risultanze investigative raccolte dal personale delle Forze di Polizie impegnate nelle indagini, attraverso la minuziosa attività di ricostruzione degli episodi delittuosi, con sopralluoghi delle attività depredate e analisi delle immagini riprese dai circuiti di videosorveglianza, hanno permesso di costruire un solido quadro probatorio, consentendo all’autorità giudiziaria di emettere il provvedimento di fermo di indiziato di delitto a carico dei due giovani.

La Squadra Mobile e i Carabinieri di Siracusa, come gli altri uffici operativi dell’Arma e della Questura, continueranno le indagini per appurare se i due avevano altri fiancheggiatori e per scongiurare che altri malviventi utilizzino lo stesso metodo per perpetrare altri reati della stessa specie.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo