fbpx

In tendenza

La ong Aita Mari nel Mediterraneo in attesa di un porto, a bordo 50 migranti

A bordo ci sono anche 4 minori

La nave ong Aita Mari della organizzazione spagnola Salvamento Maritimo Humanitario dopo avere messo in salvo cinquanta persone da una imbarcazione “alla deriva nel Mediterraneo centrale”, da ieri in tarda mattinata naviga in attesa della assegnazione di un porto di sbarco. A bordo ci sono anche 4 minori.

L’imbarcazione da ieri, poco dopo mezzogiorno, si trova al limite delle acque territoriali italiane tra le province di Ragusa e Siracusa. La Geo Barents, invece, nave di Medici senza frontiere partita da Alisund in Norvegia, il 12 maggio e dopo avere attraversato lo stretto di Gibilterra il 24 maggio, sta raggiungendo la zona operativa nel Mediterraneo centrale.

Al momento si trova a sud di Pantelleria. La nave, che è lunga 77 metri, batte bandiera norvegese.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo