fbpx

In tendenza

Legge stabilità, De Luca: “Stop lavori commissione bilancio”

"a causa della mancanza dell’allegato che riporta la previsione relativa ai tagli e alla riduzione di spesa".

“Ancora una volta dobbiamo rilevare l’approssimazione di questo governo nel portare avanti l’iter di approvazione della legge di stabilità. Ho posto una pregiudiziale chiedendo lo stop ai lavori in commissione bilancio a causa della mancanza dell’allegato che riporta la previsione relativa ai tagli e alla riduzione di spesa”. Lo dichiara il leader di Sud chiama Nord Cateno De Luca partecipando ai lavori in commissione bilancio.

“Ai sensi, infatti, del punto 2 dell’accordo tra Stato e Regione per il ripiano decennale del disavanzo del 14 gennaio 2021 – prosegue – in relazione all’impegno di realizzare riduzioni strutturali della spesa nel periodo 2021-2029, è previsto che venga riportato uno specifico allegato alla legge di bilancio che determina annualmente la misura puntuale dei singoli interventi per il triennio di riferimento. Una mancanza che rischia di vanificare la norma Salva Sicilia. Ricordiamo infatti che la Regione Siciliana è stata autorizzata a ripianare in quote costanti, in dieci anni a decorrere dall’esercizio 2023, il disavanzo relativo all’esercizio 2018 e le relative quote di disavanzo, non recuperate alla data del 31 dicembre 2022.  In caso di mancata attuazione degli obiettivi di riduzione strutturale complessivi previsti ai punti 1 e 2 dell’accordo di cui al comma 843, nonché in caso di mancata trasmissione della certificazione prevista del medesimo accordo, viene meno il regime del ripiano pluriennale del disavanzo di cui al comma 841. Appare chiaro che non stiamo tenendo conto delle condizioni che sono state poste. Abbiamo la necessità di esaminare la documentazione completa per capire se stiamo seguendo l’iter correttamente. La strategia di questo governo è compatibile con gli impegni assunti? Oggi pare di no. Ho la preoccupazione che andremo incontro a delle sanzioni. Prima verifichiamo che le condizioni poste siano rispettate e che si stiano mettendo in atto azioni coerenti”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo