fbpx

In tendenza

Musumeci: “no a passi indietro senza un altro candidato”

"E dovrei farlo a favore di chi? Indichino un candidato, se unitario lavoreremo per lui. Lo cercano da mesi...", ha detto Musumeci

Pronto a rinunciare a ricandidarsi ma solo se si troverà un candidato unitario del centrodestra: è la posizione espressa dal presidente dimissionario della Regione Siciliana, Nello Musumeci, in un’intervista al Corriere della Sera.

“Da giugno dico che sono disponibile a guidare il Centrodestra di nuovo alla vittoria. Ma pronto, se risultassi divisivo, a fare un passo di lato”, ha spiegato Musumeci che per ora però non desiste. “E dovrei farlo a favore di chi? Indichino un candidato, se unitario lavoreremo per lui. Lo cercano da mesi…”.

“La politica è la grande assente in questa vicenda”, ha osservato Musumeci, “l’obiettivo è fare l’election day, non tre mesi prima ma 40 giorni prima della scadenza naturale. Le dimissioni sono dettate dal buon senso, sia per evitare che i siciliani nello spazio di un mese vadano due volte a votare sia per risparmiare 20 milioni di euro di denaro pubblico, per evitare la crescita dei contagi e non chiudere le scuole due volte”.

“Sto governando la Regione anche con FI e Lega – prosegue – dal primo giorno. Se non fosse stato per l’election day, avrei continuato fino alla scadenza del 6 novembre in piena autonomia con un governo che ha gli stessi assessori e gli stessi partiti di 5 anni fa”.

Miccichè? “Gli attacchi sono frutto di ossessione, visto che quel partito ha lasciato i suoi a ben governare con me fino ad oggi. Come la Lega. In cinque anni abbiamo sostituito appena 4 assessori e non 56 come era accaduto con il governo a guida Pd”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo