fbpx

In tendenza

Palermo, morte mamma e neonata: indagata la ginecologa

La professionista è indagata per omicidio colposo e interruzione di gravidanza

C’è un’indagata nel procedimento penale per la morte di Caterina Todaro e della piccola Desirè, la bimba che portava in grembo.

Si tratta della ginecologa della paziente che, oltre a esercitare in libera professione, lavora nel reparto di Ginecologia e Ostetricia dell’ospedale “Buccheri – La Ferla” di Palermo. Lo stesso ospedale dove la trentottenne palermitana incinta in otto mesi il maggio è stata trasportata e fatta partorire nel vano tentativo di salvare almeno la bimba, che invece è nata morta.

La professionista è indagata per omicidio colposo e interruzione di gravidanza. Oggi al Policlinico, Antonella Argo, medico legale ha eseguito le autopsie sulla salma della donna e sul feto. La morte della trentottenne sarebbe stata provocata da un “arresto cardiocircolatorio in paziente con shock emorragico, tamponamento cardiaco da fissurazione aortica”, mentre la bambina è spirata per “insufficienza utero-placentare”. (ANSA)


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo