fbpx

Sono 901 i nuovi positivi al Covid 19 in Sicilia: oltre i due terzi tra Palermo, Ragusa e Catania

In tendenza

Palermo, non gradisce il taglio di capelli fatto al nipote e prende a sprangate il barbiere

L'uomo non gradendo il lavoro svolto, ha minacciato il barbiere, alla presenza di altri clienti, con una spranga in ferro, chiedendo la restituzione immediata della somma di denaro pagata

foto di repertorio

Non contendo del taglio di capelli, aggredisce a colpi di spranga il barbiere. I carabinieri del Nucleo Radiomobile di Palermo, con i colleghi della Stazione Piazza Marina e del Nucleo Operativo della Compagnia Piazza Verdi, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, un 32enne cittadino del Bangladesh per estorsione aggravata.

I militari, su richiesta della centrale operativa, sono intervenuti in via Maqueda nei pressi una parrucchieria, in quanto dei cittadini avevano chiamato il numero unico 112, e hanno trovato il proprietario dell’esercizio commerciale, 29enne anch’egli bengalese, riverso a terra con ferite alla testa. Immediati accertamenti hanno permesso di accertare che, poco prima, c’era stata un’aggressione, per futili motivi riconducibili al taglio di capelli effettuato il giorno precedente dalla vittima al nipote di sei anni dell’aggressore.

Quest’ultimo, non gradendo il lavoro svolto, ha minacciato il barbiere, alla presenza di altri clienti, con una spranga in ferro, chiedendo la restituzione immediata della somma di denaro pagata. Al rifiuto della vittima, è seguita l’aggressione. Il malcapitato è stato trasportato presso l’ospedale Civico di Palermo, dove è stato ricoverato non in pericolo di vita.

L’arrestato, è stato condotto nel carcere Lorusso-Pagliarelli in attesa dell’udienza di convalida.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo