Minori abusati dal prete, una vittima scrive al Papa. Il vescovo di Enna: “attivate procedure”

In tendenza

Superbonus: a Caltanissetta il primo cantiere 110% con Cna-Unicredit

Unicredit ha messo tempestivamente a disposizione dei propri clienti servizi dedicati e prodotti finanziari

Con l’avvio del primo cantiere su Caltanissetta, “il superbonus 110% è realtà in entrambi i grossi centri della nostra provincia. Sia a Gela, come accaduto alcune settimane fa, che nel capoluogo di provincia, oggi, la Cna è riuscita a dare il via ai primi cantieri assistendo in maniera costante i tecnici impegnati nella progettazione e curando, al fianco degli amministratori di condominio, ogni fase di deliberazione delle assemblee condominiali. Adesso la sfida è di avviare, con immediatezza, numerosi cantieri in tutti e 22 i comuni della provincia per permettere all’intero territorio di sfruttare un’opportunità irripetibile quale quella del superbonus per riqualificare le città, dare ossigeno alle nostre imprese e creare lavoro”. Lo ha detto da Pasquale Gallina, diretto della Cna provinciale di Caltanissetta, a margine dell’inaugurazione del primo cantiere in città.

“Unicredit ha messo tempestivamente a disposizione dei propri clienti servizi dedicati e prodotti finanziari per usufruire in modo rapido e conveniente delle misure contenute nel Decreto Rilancio”, ha affermato Roberto Di Raimondo, Responsabile Area Caltanissetta ed Enna, in occasione dell’inaugurazione del cantiere a Caltanissetta aperto con i benefici del superbonus al 110% e mirati a rilanciare il settore dell’edilizia. “Questo, insieme a una massiccia azione di formazione della nostra rete commerciale – ha aggiunto Di Raimondo – e di informazione di tutti i soggetti, privati, imprese e liberi professionisti, potenzialmente interessati al tema del superbonus 110%, ci ha permesso di essere immediatamente operativi e di consentire ai nostri clienti di avviare in tempi stretti i lavori di riqualificazione ed efficientamento energetico del proprio patrimonio immobiliare. La collaborazione avviata con CNA risponde all’esigenza di estendere i benefici di tale iniziativa all’ampia platea delle PMI regionali, innescando così un circolo virtuoso, sia in termini di ripartenza economica sia dal punto di vista della sostenibilità ambientale del patrimonio immobiliare”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo