Minori abusati dal prete, una vittima scrive al Papa. Il vescovo di Enna: “attivate procedure”

In tendenza

Traffico di sigarette dal Nordafrica, 9 arresti

L'operazione si è conclusa con il sequestro di due imbarcazioni, 2,2 tonnellate di tabacchi lavorati esteri e di 60 mila euro in contanti

Nove arresti e maxi sequestro di sigarette di contrabbando provenienti dal Nordafrica. I militari della Guardia di finanza di Palermo e della gruppo aeronavale hanno portato a termine la rilevante operazione che si è conclusa con l’arresto di tre italiani e sei tunisini, libici ed egiziani e il sequestro di due imbarcazioni, 2,2 tonnellate di tabacchi lavorati esteri e di 60mila euro in contanti. L’intervento ha interessato il tratto di mare prospiciente le coste del trapanese.

In particolare, nella serata di venerdì scorso – su segnalazione del Comando generale della Guardia di finanza – un elicottero, in servizio di ricognizione nel Canale di Sicilia, aveva rilevato la rotta di un peschereccio di circa 20 metri al largo di Lampedusa che si dirigeva verso Mazara del Vallo. Rafforzato il dispositivo di sicurezza delle fiamme gialle, è stato avvistato un secondo natante (un motoscafo di 9 metri) che, nonostante le condizioni meteo avverse, era diretto in maniera sospetta verso il peschereccio. E’ stato accertato che la ‘nave madre’ stazionava ai limiti delle acque territoriali dove aspettava il motoscafo proveniente dalla costa.

Il dispositivo è scattato nel momento in cui il motoscafo ha fatto rientro nelle acque territoriali (12 miglia), dove è stato fermato. Rilevata la presenza a bordo del carico di sigarette, è iniziato l’inseguimento del peschereccio che nel frattempo stava cercando di riprendere il largo in direzione Nordafrica. Le imbarcazioni sono state condotte nel porto di Mazara del Vallo. L’operazione si è conclusa con l’arresto dei 6 membri dell’equipaggio (di nazionalità egiziana, tunisina e libica), dell’imbarcazione e di tre italiani, acquirenti del tabacco di contrabbando, originari della provincia di Palermo, che si trovavano a bordo del motoscafo. Uno dei tre italiani è risultato percepire da marzo 2020 il reddito di cittadinanza per un ammontare di 900 euro mensili, beneficio che verrà immediatamente sospeso. La perquisizione effettuata a bordo del peschereccio libico ha poi consentito di trovare dietro un pannello della sala macchine 60 mila euro in contanti, sottoposti a sequestro. Le oltre 2 tonnellate di sigarette sequestrate, destinate a rifornire i mercati siciliani e in particolare la piazza di Palermo, avrebbero fruttato all’organizzazione criminale circa 300 mila euro. Gli arrestati sono stati condotti nelle carcere di Trapani e Palermo, a disposizione della procura di Marsala.

L’intervento è stato condotto con l’impiego di numerosi mezzi aerei e navali della Guardia di finanza del Comando operativo Aeronavale di Pratica di Mare e del Reparto Operativo Aeronavale di Palermo, in coordinamento con gli investigatori del Nucleo di Polizia economico finanziaria di Palermo.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo