fbpx

Stop alla campagna elettorale, domani urne aperte: tutti i candidati a Camera, Senato e Ars in Sicilia

In tendenza

Viaggiava in treno con oggetti atti ad offendere, denunciato

Il bilancio dell’attività settimanale della Polizia di Stato in ambito ferroviario in Sicilia

Sono 2.868 le persone controllate, 1 indagato, 4 minori stranieri rintracciati, 50 veicoli ispezionati e 36 treni presenziati dalle 249 pattuglie impegnate nei servizi di vigilanza in stazione, a bordo treno e lungo la linea ferroviaria: è questo il bilancio delle principali attività di controllo, dal 22 al 28 agosto 2022, della Polizia ferroviaria in tutta la Sicilia.

A Messina, gli agenti della Sezione Polfer hanno denunciato un uomo di 39 anni, perché si è reso responsabile del reato di porto di armi ed oggetti atti ad offendere.

L’attenzione degli agenti è stata attirata dall’individuo che trasportava una custodia di tela per arma lunga, aggirandosi con fare sospetto fra i viaggiatori presenti in stazione.

Per tale motivo, i poliziotti hanno proceduto al controllo dell’uomo e, a seguito di perquisizione personale, è stato trovato in possesso di una carabina ad aria compressa di libera vendita, di una scatola di piombini occultata nel borsello e di due coltelli che deteneva, uno nella cintura del pantalone e l’altro all’interno della valigia, della lunghezza rispettivamente di 31 e 25 cm.

Vista la pericolosità dell’uomo che non ha fornito agli agenti una valida spiegazione sul possesso delle armi, prontamente utilizzabili, al termine dell’attività di polizia giudiziaria, è stato denunciato in stato di libertà per la detenzione delle armi, che sono state sequestrate, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria competente.

Sono stati rintracciati in tutto il territorio di competenza 4 minori, 1 a Messina e 3 a Palermo, allontanatisi arbitrariamente dalle rispettive strutture di prima accoglienza per minori stranieri, tutti nuovamente collocati in comunità d’accoglienza per minori

Gli operatori della Sezione Polfer di Catania hanno restituito alla madre dell’avente diritto, la carta d’identità intestata al figlio minore, rinvenuta durante l’espletamento del servizio di vigilanza.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo