fbpx

In tendenza

Violenza sessuale ai danni di minori: giudizio immediato per il sacerdote ai domiciliari

Gli elementi di prova raccolti a carico del prete sarebbero tali da non richiedere il filtro dell'udienza dinanzi al Gup

Disposto il giudizio immediato per Giuseppe Rugolo, il sacerdote di Enna in custodia cautelare ai domiciliari dallo scorso aprile con l’accusa di violenza sessuale aggravata ai danni di minori.

Il Gip del Tribunale di Enna, Maria Luisa Bruno su richiesta dei pm, Stefania Leonte e Orazio Longo, ha emesso l’ordinanza che dispone il giudizio immediato, senza, quindi, il passaggio dell’udienza preliminare. Per il Gip, come per la Procura, gli elementi di prova raccolti a carico di Rugolo sarebbe tali da non richiedere il filtro dell’udienza dinanzi al Gup.

Al sacerdote è contestata l’aggravante di avere approfittato delle condizioni di inferiorità psichica della persona offesa sottoposta al momento del fatto a limitazioni della libertà personale, e da quella del grave pregiudizio arrecato alle giovani vittime, che gli erano affidate per ragioni di istruzione alla religione cattolica. Il processo è fissato per il prossimo 7 ottobre, ma l’imputato potrà chiedere un rito alternativo entro 15 giorni dalla notifica del decreto di fissazione dell’udienza.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo