fbpx

In tendenza

Armati e pericolosi, blitz dei Carabinieri nel Catanese per arrestare due fratelli

Entrambi i fratelli vantano un consistente curriculum criminale per delitti contro la persona, il patrimonio e sugli stupefacenti

Su delega della Procura distrettuale della Repubblica di Catania, alle prime ore dello scorso 7 gennaio 2023, a Mascali, un dispositivo di oltre 60 unità del comando provinciale Carabinieri di Catania, costituito dai militari delle compagnie di Randazzo e Giarre, del Nucleo Investigativo e dell’Aliquota di Primo Intervento (A.P.I., unità create nel 2016, all’indomani degli attentati di Parigi e Bruxelles, capaci di affrontare con rapidità e risolutezza situazioni di minaccia ad alto rischio), supportati operativamente dai colleghi dello Squadrone Eliportato Cacciatori Sicilia e del Nucleo Cinofili, ha dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Catania, nei confronti di 2 fratelli, Giuseppe Del Popolo Marchitto, classe ’74, e Daniele Del Popolo Marchitto, classe ’82, i quali annoverano un consistente curriculum criminale per delitti contro la persona, il patrimonio e sugli stupefacenti, ritenuti responsabili in concorso di detenzione e porto in luogo pubblico di armi comuni da sparo, danneggiamento aggravato e violenza privata. In aggiunta, a Daniele Del Popolo Marchitto è stato contestato anche il reato di evasione, nonché l’aggravante di aver commesso le condotte illecite in esame mentre si era volontariamente sottratto all’esecuzione di un ordine di carcerazione. Quest’ultimo infatti, approfittando di un permesso premio, lo scorso 11 ottobre, non era più rientrato nel carcere di Favignana, dove doveva scontare ancora 6 anni di reclusione in quanto destinatario di sentenza di cumulo pena del 16 settembre 2020 a 15 anni 3 mesi e 22 giorni di reclusione, in parte già scontati.

L’indagine, coordinata dalla Procura Distrettuale etnea e condotta dal Nucleo Operativo e Radiomobile di Randazzo e dal Nucleo Investigativo di Catania, attraverso incessanti attività tradizionali e tecniche, ulteriormente riscontrate da escussioni testimoniali, nell’attuale fase del procedimento in cui non è stato ancora instaurato il contraddittorio tra le parti, ha consentito di accertare come i due fratelli, illegalmente, avrebbero detenuto e portato  con sé in luoghi pubblici, delle armi da fuoco perfettamente funzionanti.

Considerata pertanto la gravità e pericolosità delle fattispecie di reato contestate, il Gip etneo ha ritenuto di emettere un provvedimento volto all’applicazione della misura coercitiva maggiormente restrittiva a carico dei due pregiudicati, eseguito dai Carabinieri in meno di 24 ore.

Al riguardo, per quanto attiene alle modalità tattiche dell’intervento, poiché i fratelli erano da ritenersi potenzialmente armati e pericolosi, la prima irruzione nell’appartamento scelto dai due per nascondersi, in un residence a Mascali, è stata condotta dalle Aliquote di Primo Intervento – Api di Catania. Queste ultime, riuscite rapidamente ad accedere ai locali interni, insieme con gli altri militari operanti, hanno quindi bloccato e reso inoffensiva la coppia, effettivamente in possesso di 2 pistole cal. 9×21, cariche e con colpo in canna, pronte pertanto a far fuoco.

Le successive attività di perquisizione di locali e mezzi nella disponibilità dei due, permettevano poi di recuperare e sequestrare anche quasi 2.000 euro in contanti, quale verosimile provento di spaccio, vari tipi di stupefacente quali cocaina, hashish e marijuana, nonché strumenti per pesatura, confezionamento e taglio delle sostanze illecite.

Terminati gli atti di rito, i due uomini sono stati trasferiti alla Casa Circondariale di Catania-Piazza Lanza, dove sono attualmente reclusi.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo