fbpx

In tendenza

Tratta, prostituzione e riduzione in schiavitù: otto arresti a Catania

Le vittime costrette a prostituirsi diverse ore al giorno, maltrattate e spesso definite “Bokluk” – spazzatura in lingua bulgara

Nei giorni scorsi, in esecuzione del decreto di fermo emesso il 5 ottobre 2021 dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Catania e dell’ordinanza emessa il successivo 9 ottobre dal Gip di Catania su richiesta della Dia, personale della Polizia di Stato – Squadra Mobile – di Catania, ha arrestato a Catania:

  1. Emil Ivanov Milanov, detto Emil, (classe ’79), ordinanza di custodia cautelare in carcere;
  2. Milena Milanova, detta Miriam, (classe ’90), ordinanza di custodia cautelare in carcere;
  3. Maria Kozarova, detta Zina, (classe ’94), ordinanza di custodia cautelare in carcere;
  4. Massimo Corrado (classe ‘78), agli arresti domiciliari, ordinanza di custodia cautelare in carcere;
  5. Francesco Barbera (classe ‘71), ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari;
  6. Giuseppe Caruso (classe ’76), ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari;
  7. Alessandro Santo Coco (classe ‘90), ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari;
  8. Elena Angelova (classe ’78), ordinanza cautelare agli arresti domiciliari;
  9. Angelo Manuele (classe ’48), sottoposto all’obbligo di dimora nel comune di Catania.

Clicca Qui per il video

I destinati dei provvedimenti restrittivi sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di tratta di persone, riduzione in schiavitù, nonché di associazione per delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione, aggravati, tra l’altro, dalla transnazionalità.

Il provvedimento restrittivo ha accolto gli elementi probatori acquisiti nel corso dell’attività investigativa, avviata nel giugno del 2020 a seguito di una denuncia sporta da due cittadine bulgare nei confronti di un’altra cittadina straniera per questioni riguardanti il pagamento del canone di locazione delle postazioni su strada, cosiddette joint, ubicate nei pressi di un bar nella zona della locale stazione ferroviaria, dove le denuncianti erano solite prostituirsi.

Le risultanze dei presidi tecnici, corroborate da elementi acquisiti nel corso di servizi di osservazione, hanno permesso agli investigatori della Sezione Criminalità Straniera e Prostituzione. coordinati dal pool di magistrati della Dda etnea, esperti in tali tipologie di reati, di acclarare che le vittime di tratta, alcune delle quali reclutate in madrepatria al costo di circa 12.000 lev (moneta bulgara corrispondente a circa 6.129,82 euro), una volta in Italia, venivano collocate in abitazioni fatiscenti (nel quartiere San Cocimo), con pessime condizioni igieniche, private di ogni libertà (persino dei documenti di identità) e sfamate con lo stretto necessario per farle sopravvivere (alle ragazze veniva dato non solo poco cibo, ma anche pietanze poco costose come ad esempio le patate), garantendo, in tal modo, al gruppo criminale un introito costante di circa 1.400 euro a settimana.

Il modus operandi degli aguzzini ha svelato, inoltre, che le vittime, definite dagli indagati letteralmente come “spazzatura” – bokluk in lingua bulgara – venivano costrette a prostituirsi parecchie ore ogni giorno (dalle 19 fino alle 4:30 circa), anche durante le restrizioni imposte dalla pandemia, con ogni condizione atmosferica, sottoposte a percosse e soprusi di ogni tipo e al costante controllo di connazionali o di locali, assoldati dai promotori a tale scopo.

In tale ambito il gruppo criminale non ha risparmiato le continue vessazioni anche in pregiudizio di una ragazza particolarmente vulnerabile, in quanto affetta da un grave handicap, costretta a prostituirsi sotto il costante controllo dei componenti del sodalizio.

Quest’ultima é stata individuata nell’abitazione del promotore del sodalizio, Emil Milanov, e, dopo averla escussa, con la collaborazione di un ente anti-tratta, è stata collocata in una struttura protetta per vittime. Dalle dichiarazioni rese dalla giovane é emerso un quadro drammatico in quanto la ragazza veniva maltrattata dall’intero sodalizio, che, approfittando dell’estrema vulnerabilità, dovuta alla sua condizione di donna, straniera e affetta da un grave e limitante handicap, la costringeva non solo a prostituirsi, ma anche a svolgere mansioni domestiche, cucinare, svegliandola in alcuni casi in piena notte e vessandola con violenze fisiche e verbali indescrivibili.

Nel contesto dell’esecuzione si è proceduto al sequestro di materiale comprovante lo sfruttamento della prostituzione a opera degli indagati, telefoni cellulari e danaro in contante.

Nel corso delle indagini è stato anche possibile dimostrare che l’organizzazione criminale in argomento, capeggiata dalla coppia Emil Milanov e Milena Milanova, ha previsto una precisa assegnazione di ruoli e compiti, attraverso il contributo e la collaborazione operativa di italiani e bulgari, con mansioni di controllo e di accompagnamento delle vittime sul luogo del meretricio.

Un altro soggetto, di origine bulgara, indagato per i medesimi reati e destinatario della misura cautelare in carcere, risulta al momento irreperibile ed é attivamente ricercato.

L’operazione é stata denominata “Bokluk” – spazzatura in lingua bulgara – perché gli indagati erano soliti apostrofare con tale espressione le donne sottoposte al loro dominio.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo